Verso IAC 2024, a Milano arriva "Looking Beyond. Guardare oltre", mostra digitale immersiva alla scoperta della Terra dallo spazio

20 febbraio 2023

Sarà presentata lunedì 27 febbraio allo STEP FuturAbility District di Milano la mostra immersiva “Looking Beyond. Guardare oltre”, promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) insieme con l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e Telespazio/e-GEOS. 

“Looking Beyond. Guardare oltre” trasporterà il visitatore in un’esperienza coinvolgente tra 60 spettacolari immagini del nostro Pianeta acquisite dai satelliti della costellazione italiana dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) e del Ministero della Difesa, COSMO-SkyMed.

Articolata su quattro temi – agricoltura, città, cambiamento climatico, acqua, – la mostra propone un percorso innovativo attraverso l’ausilio di videowall, proiezioni ed effetti 3D. L’iniziativa offrirà un’opportunità di riflessione sul contributo delle tecnologie satellitari all’osservazione della Terra, alla promozione dello sviluppo sostenibile e alla tutela del patrimonio naturale e culturale.

Sarà possibile visitare la mostra e immergersi nell’osservazione della Terra dallo Spazio nella sola giornata di lunedì 27 febbraio con ingresso gratuito dalle 13:00 alle 19:00.

L’esposizione rientra tra le iniziative di promozione integrata dell’Italia e del Made in Italy ed è da alcune settimane esposta in oltre 50 Paesi del mondo presso diverse sedi diplomatiche italiane.

L’iniziativa costituisce un nuovo passo verso IAC 2024, la 75ma edizione dell’International Astronautical Congress, la più importante manifestazione mondiale nel settore dello spazio, che Milano ospiterà dall’11 al 18 ottobre 2024.

Con il motto “Responsible space for sustainability”, IAC 2024 avrà anche l’obiettivo di sensibilizzare la comunità internazionale su un uso più consapevole e responsabile delle tecnologie spaziali, tra i migliori alleati della sostenibilità ambientale e per il raggiungimento dei Sustainable Development Goals delle Nazioni Unite.

Altre notizie e storie

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.