I satelliti di Copernicus aiutano a proteggere le zone costiere europee

01 dicembre 2020

Quale ruolo hanno i satelliti nella gestione sostenibile delle zone costiere? Telespazio Iberica, insieme ad altre realtà del settore della geoinformazione, ha da poco terminato la prima parte del progetto Coastal Zone, pensato per il monitoraggio delle aree del continente che si affacciano sul mare.

Le zone costiere sono fondamentali per l’economia europea. Basti pensare che il 40 % della popolazione dell’Unione Europea vive a 50 km dal mare e che più di un terzo del PIL del continente è generato in queste aree. E non solo, perché ben il 75% del commercio estero del continente è trasportato via mare.

Tuttavia, il ruolo di crocevia di persone e traffici di merci delle coste comporta un costo per l’ambiente in termini di inquinamento, erosione e perdita di habitat. Le minaccia che incombe su queste zone impone una loro gestione sostenibile, in grado di coniugare gli interessi dello sviluppo con la necessità di mantenere gli ecosistemi marini sani e resistenti.

Per questo, fin dal 2013, l’Unione Europea si è impegnata nel mettere in campo politiche in grado di pianificare lo spazio marino e integrare tutte le politiche degli Stati nazionali sull’argomento.

Essenziali per raggiungere quest’obiettivo sono i dati satellitari del programma europeo Copernicus che consentono un’analisi temporale e spaziale altrimenti impossibile e aiutano così le autorità a stabilire politiche a lungo termine.

Nell’ambito del programma Copernicus - Land Monitoring Services (CLMS) e in stretta collaborazione con il Marine environment monitoring service (CMEMS), è nato pertanto il prodotto Coastal Zone, a cui ha partecipato con un ruolo di primo piano Telespazio Iberica, società controllata di Telespazio con sedi a Barcellona e Madrid. 

Nei giorni scorsi CLMS ha reso pubblici i dati il 100% dei dati consegnati a settembre del progetto Coastal Zone di cui fanno parte, oltre a Telespazio Iberica, anche Planetek Italia, Planetek Hellas e Geoville. Insieme hanno fornito i dati dell’intera attività di monitoraggio delle coste, per gli anni di riferimento 2012 – 2018. 

Coastal Zones, in particolare, include la mappatura delle aeree costiere e l'evoluzione degli usi del territorio nel periodo di riferimento, e rende visibile come l’intervento umano abbia modificato il territorio. Grazie ai dati del progetto, le autorità europee avranno così a disposizione uno strumento per prendere decisioni di lungo periodo per garantire la sostenibilità dell’ambiente in cui viviamo.

Il progetto Coastal Zone è solo l’ultimo esempio di come lo spazio e la sostenibilità siano due mondi strettamente connessi. Si tratta di un legame che il Gruppo Telespazio ha fatto profondamente suo e che viene confermato nel lavoro di tutti i giorni, dedicato al pianeta e alla sua tutela.

Altre notizie e storie

26.05.2022
Telespazio parteciperà alla progettazione dei laboratori per i droni del futuro

Telespazio ha siglato con ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile) un contratto per la progettazione dell’infrastruttura nazionale dedicata alla sperimentazione di nuove tecnologie, prodotti e servizi per il settore della Mobilità Aerea Urbana e della Mobilità Aerea Avanzata (Urban & Advanced Air Mobility, UAM/AAM).

17.05.2022
Living Planet Symposium, Telespazio a Bonn per raccontare lo Spazio al servizio della sostenibilità

Taking the Pulse of Our Planet from Space, monitorare la salute del Pianeta dallo Spazio. È questo l’obiettivo dell’edizione 2022 del Living Planet Symposium dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che si terrà al World Conference Center di Bonn fra il 23 e il 27 maggio.

06.05.2022
Con URANO i droni entrano nel sistema nazionale di gestione del traffico aereo

URANO è un progetto di ricerca, finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana con il supporto tecnico di ENAV, e realizzato da Telespazio in collaborazione con Leonardo

26.04.2022
Aeronautica Militare, Telespazio si aggiudica contratto per la fornitura di supporto ingegneristico nell’ambito del programma H-SAF

Telespazio si è aggiudicata la gara dell’Aeronautica Militare Italiana per la fornitura di un servizio pluriennale di supporto ingegneristico nell’ambito del Programma internazionale H-SAF (Satellite Application Facility on Support to Operational Hydrology and Water Management) di EUMETSAT.

26.05.2022
Telespazio parteciperà alla progettazione dei laboratori per i droni del futuro

Telespazio ha siglato con ENAC (Ente Nazionale per l'Aviazione Civile) un contratto per la progettazione dell’infrastruttura nazionale dedicata alla sperimentazione di nuove tecnologie, prodotti e servizi per il settore della Mobilità Aerea Urbana e della Mobilità Aerea Avanzata (Urban & Advanced Air Mobility, UAM/AAM).

17.05.2022
Living Planet Symposium, Telespazio a Bonn per raccontare lo Spazio al servizio della sostenibilità

Taking the Pulse of Our Planet from Space, monitorare la salute del Pianeta dallo Spazio. È questo l’obiettivo dell’edizione 2022 del Living Planet Symposium dell’Agenzia Spaziale Europea (ESA), che si terrà al World Conference Center di Bonn fra il 23 e il 27 maggio.

06.05.2022
Con URANO i droni entrano nel sistema nazionale di gestione del traffico aereo

URANO è un progetto di ricerca, finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana con il supporto tecnico di ENAV, e realizzato da Telespazio in collaborazione con Leonardo

26.04.2022
Aeronautica Militare, Telespazio si aggiudica contratto per la fornitura di supporto ingegneristico nell’ambito del programma H-SAF

Telespazio si è aggiudicata la gara dell’Aeronautica Militare Italiana per la fornitura di un servizio pluriennale di supporto ingegneristico nell’ambito del Programma internazionale H-SAF (Satellite Application Facility on Support to Operational Hydrology and Water Management) di EUMETSAT.