COSMO-SkyMed Festeggia 10 Anni di Operazioni

Roma  07 dicembre 2017

Il sistema satellitare italiano COSMO-SkyMed osserva la Terra da 10 anni, giorno e notte e con qualsiasi condizione meteorologica e di visibilità, assicurando informazioni fondamentali per la comprensione dei fenomeni che interessano il nostro pianeta. 

Il presente e il futuro del sistema satellitare COSMO-SkyMed, che in dieci anni dal lancio del primo satellite, effettuato nel 2007, ha cambiato il modo di osservare la Terra, assicurando informazioni fondamentali per la nostra sicurezza e per comprendere i fenomeni che interessano il nostro pianeta: di questo hanno discusso al MAXXI di Roma il Ministro della Istruzione, Università e Ricerca, Valeria Fedeli, il Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti Gen. Carlo Magrassi, il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston, e l’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, durante l’evento “Happy Birthday COSMO-SkyMed #10”.

COSMO-SkyMed è l’unica costellazione di osservazione della Terra a uso duale oggi esistente a livello globale. Nei primi dieci anni di attività ha catturato oltre 1 milione di scene radar in tutto il mondo, vigilando sulla Terra 24 ore su 24 in ogni condizione meteorologica e di visibilità: dal contributo alla sicurezza nazionale al supporto alle popolazioni colpite da disastri naturali come il ciclone Nargis in Birmania nel 2008, i terremoti dell’Aquila nel 2009 e di Amatrice del 2016 o l’uragano Harvey quest’anno, dal monitoraggio della deforestazione in Amazzonia alla fornitura di dati e strumenti per un’agricoltura sostenibile, dal controllo dei siti UNESCO al monitoraggio del recedere dei ghiacci nelle regioni polari, fino al controllo degli sversamenti di petrolio nel Golfo del Messico in seguito all’esplosione della piattaforma Deepwater Horizon nel 2010.

L’evento ha celebrato i successi della più impegnativa impresa realizzata dall’Italia nel campo della Osservazione della Terra ed è stato l’occasione per porre l’accento sulle capacità del sistema Paese, che, grazie alla collaborazione tra enti, istituzioni, ricerca, università e industria, ha saputo costruire un insieme di satelliti senza uguali e assicurarsi una posizione preminente nel settore a livello mondiale.

Finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana, dal Ministero della Difesa e dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il sistema COSMO-SkyMed è infatti frutto ed espressione delle migliori competenze dell’industria spaziale italiana, con Leonardo e le sue joint venture Thales Alenia Space e Telespazio, coadiuvate da un numero significativo di Piccole e Medie Imprese.

In particolare, Thales Alenia Space (Thales 67%, Leonardo 33%) è la società capocommessa, responsabile dell’intero sistema, mentre Telespazio (Leonardo 67%, Thales 33%) ha realizzato il segmento di terra e ospita al Fucino il Centro di comando e controllo della costellazione. I dati COSMO-SkyMed sono commercializzati in tutto il mondo da e-GEOS, una joint venture tra Telespazio (80%) e ASI (20%).

A partire dal 2018, la seconda generazione del sistema, anch’essa sviluppata da Leonardo e dalle sue joint venture, prenderà progressivamente il posto di quella attualmente in funzione, migliorando efficienza e capacità in settori fondamentali per la sicurezza e la protezione del nostro pianeta quali il monitoraggio del territorio e la gestione sostenibile delle sue risorse, la sicurezza e la gestione di eventi naturali ed emergenze, la lotta agli effetti del cambiamento climatico.

Il Presidente dell’ASI, Roberto Battiston, ha sottolineato che COSMO-SkyMed “è un asset fondamentale non solo del sistema spaziale italiano ma del nostro Paese sotto diversi aspetti: è infatti un programma che mantiene l’Italia sulla frontiera tecnologica e ci consente di giocare un ruolo di primaria importanza a livello internazionale sui temi della sicurezza e della gestione delle emergenze. Da anni – ha aggiunto – la costellazione viene utilizzata massivamente per un’analisi approfondita dei “climatizzatori” più importanti della Terra, come le regioni polari, aree che hanno un impatto estremamente importante sul clima, il meteo, e sul funzionamento dell’intero ecosistema terrestre. Per questo da oggi COSMO-SkyMed inizierà a twittare su temi dell’ambiente e del climate change e a dare al pubblico un aggiornamento costante su temi così importanti”, ha concluso Battiston.

“COSMO-SkyMed è un fiore all’occhiello della tecnologia spaziale italiana nel mondo e una componente essenziale per il suo sviluppo. Le informazioni provenienti da questo sistema, unico nel suo genere, si dimostrano ogni giorno importantissime per osservare e comprendere il Pianeta e per garantire la nostra sicurezza. COSMO-SkyMed ha inoltre consentito all’industria del nostro Paese di acquisire competenze leader tanto nella tecnologia radar di osservazione della Terra quanto nei servizi e nelle applicazioni di geo-informazione: negli anni, abbiamo stretto accordi per l’utilizzo dei dati della costellazione in Europa, Asia, Sudamerica, USA e Canada, conquistando un ruolo da protagonista globale in questo mercato” – ha affermato Alessandro Profumo, Amministratore Delegato di Leonardo. “A 10 anni dal lancio del primo satellite, COSMO-SkyMed rappresenta un’infrastruttura strategica per l’Italia; mantenerla all’avanguardia con il lancio di satelliti di seconda generazione che permettano un completo rinnovo della costellazione e sviluppare ulteriori generazioni del sistema è fondamentale per preservare il primato del nostro Paese in un mercato in continua evoluzione”.

Nelle foto: da sinistra verso destra l’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo, il Segretario Generale della Difesa e Direttore Nazionale degli Armamenti Gen. Carlo Magrassi, il Ministro della Istruzione, Università e Ricerca, Valeria Fedeli e il presidente dell’Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston.

Altre notizie e storie

22.07.2021
Telespazio UK sale a bordo della missione TRUTHS

Telespazio UK è entrata a far parte del consorzio a guida inglese che sta lavorando allo sviluppo della missione TRUTHS dell’ESA, finalizzata a migliorare le previsioni del cambiamento climatico.

21.07.2021
Conclusa la prima fase del progetto HydRON dell’ESA

Si è completata con successo la prima fase di studio di HydRON, il progetto dell’ESA guidato da Thales Alenia Space e alla quale partecipa anche Telespazio per una rete ottica ad alto rendimento.

20.07.2021
Telespazio Germany fornirà servizi satellitari all’ESA per il programma Copernicus

Telespazio Germany fornirà, insieme a Serco (primo contraente), Deimos Spagna e CS Communications and Systems Germania, servizi di supporto e operazioni alla costellazione satellitare Copernicus.

20.07.2021
e-GEOS e l’israeliana ISI insieme per offrire i dati della costellazione satellitare SAR-Elettro Ottica più avanzata al mondo

Due aziende leader mondiali nella geoinformazione, e-GEOS e ISI (ImageSat International), hanno costituito un’alleanza strategica al fine di creare la costellazione satellitare di Osservazione della Terra più avanzata al mondo.

22.07.2021
Telespazio UK sale a bordo della missione TRUTHS

Telespazio UK è entrata a far parte del consorzio a guida inglese che sta lavorando allo sviluppo della missione TRUTHS dell’ESA, finalizzata a migliorare le previsioni del cambiamento climatico.

21.07.2021
Conclusa la prima fase del progetto HydRON dell’ESA

Si è completata con successo la prima fase di studio di HydRON, il progetto dell’ESA guidato da Thales Alenia Space e alla quale partecipa anche Telespazio per una rete ottica ad alto rendimento.

20.07.2021
Telespazio Germany fornirà servizi satellitari all’ESA per il programma Copernicus

Telespazio Germany fornirà, insieme a Serco (primo contraente), Deimos Spagna e CS Communications and Systems Germania, servizi di supporto e operazioni alla costellazione satellitare Copernicus.

20.07.2021
e-GEOS e l’israeliana ISI insieme per offrire i dati della costellazione satellitare SAR-Elettro Ottica più avanzata al mondo

Due aziende leader mondiali nella geoinformazione, e-GEOS e ISI (ImageSat International), hanno costituito un’alleanza strategica al fine di creare la costellazione satellitare di Osservazione della Terra più avanzata al mondo.