Telespazio supporterà la Romania a migliorare i servizi di sorveglianza meteorologica

03 ottobre 2022

Ammodernare e rendere più efficienti le attività di previsione e allerta di fenomeni atmosferici gravi e consentire al Paese di ricevere in tempo reale i più aggiornati dati satellitari meteorologici. È questo l’obiettivo dei due contratti siglati nei giorni scorsi da RARTEL, una joint venture tra Telespazio e RADIOCOM, con l'Amministrazione Meteorologica Nazionale (AMN) rumena.

Il primo contratto, che sarà realizzato da RARTEL in consorzio con Leonardo Germany GmbH, prevede l’installazione, completa di attività ingegneristiche, la raccolta, l’elaborazioni e la diffusione dei dati di 7 nuovi sistemi radar installati in tutto il territorio nazionale rumeno. Questi consentiranno la sorveglianza meteorologica completa di un'area geografica fino a 400 km dalla posizione dei diversi siti.

I sette nuovi radar in banda S, dotati di tecnologia dual-polarimetrica, saranno attivi 24 ore su 24, 7 giorni su sette, e forniranno preziose informazioni sulle precipitazioni, un migliore rilevamento e monitoraggio delle strutture nuvolose che generano forti precipitazioni e la previsione dei fenomeni meteorologici estremi, contribuendo così in modo significativo alle procedure per gli allarmi e previsioni di inondazioni improvvise in tutta la Romania. Grazie alle nuove infrastrutture, il Paese potrà beneficiare di un sistema moderno e aggiornato, in grado di fornire dati e informazioni in un ambiente informatico sicuro.

Il secondo contratto, invece, prevede la realizzazione di un nuovo sistema in grado di ricevere, elaborare e visualizzare i dati dei satelliti EUMESAT di Terza Generazione (MTG), il cui primo elemento verrà lanciato in orbita nei prossimi mesi, e di vari altri satelliti meteo in orbita polare. Grazie a tale infrastruttura, che sarà installata presso l’sede dell’ANM di Bucarest, sarà possibile in particolare moltiplicare fino a dieci volte i dati meteorologici raccolti e analizzati ogni giorno (fino a 2 TB/giorno) dai satelliti geostazionari, come MTG, oltre che dai satelliti in orbite polari (Metop-SG, NPP, NOAA).

L’enorme mole di dati - la cui analisi è attualmente impossibile con le apparecchiature presenti - e la loro migliore qualità e accuratezza consentiranno un notevole passo in avanti sia nel rilevamento e monitoraggio delle perturbazioni potenzialmente pericolose sia nella disponibilità e la precisione delle previsioni a brevissimo e corto raggio. La possibilità, inoltre, di accedere in tempo reale ai dati satelliti polari consentirà di ridurre i tempi di allerta per situazioni pericolose generate da gravi fenomeni convettivi, a tutela dei cittadini e del territorio rumeno.

Altre notizie e storie

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.