Il Centro spaziale del Lario di Telespazio ottiene la certificazione della World Teleport Association

31 ottobre 2023

La World Teleport Association (WTA) ha annunciato oggi che Telespazio ha ottenuto la certificazione di Livello 4 (la più alta) per il proprio Centro spaziale del Lario, in provincia di Como.

Il programma di certificazione dei teleporti della WTA, associazione fondata nel 1985, è uno strumento di grande importanza sia per gli operatori di teleporti che per i loro clienti. La certificazione è attribuita utilizzando un metodo obiettivo, trasparente e internazionalmente riconosciuto per documentare la qualità di tali infrastrutture

"Siamo estremamente orgogliosi di questa nuova prestigiosa certificazione, che si aggiunge a quelle già ottenute dal Centro spaziale del Fucino nel 2018 e nel 2021. Questo risultato sottolinea il nostro impegno a fornire soluzioni satellitari e servizi eccellenti ai nostri clienti e conferma il teleporto del Lario come uno dei punti di forza delle nostre operazioni".

Gabriele Pieralli, Chief Operating Officer di Telespazio.

Il Centro spaziale del Lario, operativo dal 1977, si estende su una superficie di 80.000 mq e ospita 40 antenne ricetrasmittenti e 20 riceventi. Il Centro assicura la gestione di collegamenti televisivi monitorando gli accessi ai segmenti spaziali e gestendo gli impianti di up-link, sia fissi che mobili, per i servizi televisivi dei maggiori broadcasters italiani e internazionali. Dal Lario sono poi gestite reti di telecomunicazioni per utenti corporate e istituzionali, oltre che servizi di customer care/help desk per i collegamenti di infomobilità per mezzi mobili e imbarcazioni, con copertura europea, e per i servizi di navigazione e messaggistica, con copertura globale. Il settore del controllo in orbita dei satelliti e quello dell’acquisizione dei dati dallo spazio vedono il Centro del Lario impegnato come stazione di terra per i satelliti Meteosat di seconda e terza generazione.

Telespazio può contare su una internazionale di centri spaziali e teleporti. In Italia l’azienda opera attraverso i centri spaziali del Fucino, in Abruzzo, del Lario, in Lombardia, di Scanzano in Sicilia, e di Matera in Basilicata. Inoltre, Telespazio gestisce propri teleporti in Brasile, Argentina e Romania.

Altre notizie e storie

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.