Telespazio e Iridium insieme per sviluppo mercati Aero & IoT

21 marzo 2022

Telespazio ha siglato un accordo di "Value Added Reseller" (VAR) con Iridium Communications Inc. per offrire i servizi Iridium Certus® Aero e IoT a bordo di velivoli a pilotaggio remoto, droni, piccoli aerei ed elicotteri e per applicazioni Internet of Things (IoT).

A seguito dell’accordo, Telespazio è divenuta distributore ufficiale dei prodotti e servizi Iridium Certus Aero e IoT.

La nuova firma rafforza ulteriormente la collaborazione di lunga data tra Telespazio e Iridium oltre ad introdurre nuovi servizi nel portfolio di Telespazio.

Le nuove capacità acquisite da Telespazio contribuiranno a migliorare la connettività nei mercati IoT sia in ambito terrestre che aeronautico, con un focus specifico sul segmento dei velivoli a pilotaggio remoto, uno delle aree di maggiore sviluppo nel business di Telespazio.

Grazie alle nuove capacità acquisite dall’accordo, Telespazio sarà in grado di abilitare nuovi innovativi servizi per mercati IoT e Aero garantendo la connettività in qualsiasi scenario operativo.

"Siamo orgogliosi di aver rafforzato la nostra partnership con Iridium per la fornitura dei servizi Iridium Certus Aero e IoT. Grazie al nostro nuovo portafoglio di servizi, puntiamo a migliorare ed espandere la nostra offerta nel mercato Aero e IoT con un particolare focus sulle comunicazioni per droni e UAV",

Alessandro Caranci, Head of Satellite Communications di Telespazio.

 

"Grazie alla sua grande esperienza e capacità, Telespazio è un partner ideale per Iridium, in particolare quando si tratta di un mercato in crescita come quello degli UAV e droni che operano oltre la linea di vista (Beyond Visual Line of Sight Drone, BVLOS). Integrando il nostro servizio Iridium Certus 100 con il loro attuale portafoglio di soluzioni, Telespazio permette ai suoi clienti di beneficiare dei vantaggi dell’unica rete satellitare al mondo in grado di operare da e verso qualsiasi punto del pianeta".

Bryan Hartin, Executive Vice President di Iridium. 

Altre notizie e storie

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.