Telespazio e MTG-I1: tutti i dettagli della LEOP

13 dicembre 2022

Dal Centro spaziale del Fucino, Telespazio gestirà la fase LEOP (Launch and Early Orbit Phase) del satellite MTG-I1 dell’Agenzia Spaziale Europea e di Eumetsat, destinato a rivoluzionare la previsione meteorologiche. Ecco tutte le attività che saranno svolte nel centro di Telespazio

Dalla piattaforma di lancio di Kourou, fino all’orbita geostazionaria: un viaggio lungo undici giorni che sarà gestito da Telespazio dal Centro spaziale del Fucino, in Italia.

È questo il percorso che attende il primo satellite Meteosat di Terza Generazione (MTG), il cui decollo è previsto dalla base della Guyana Francese martedì 13 dicembre alle 21:30 (CET) a bordo di un vettore Ariane 5 di Arianespace.

Il Centro spaziale del Fucino prenderà contatto con MTG-I1 24 minuti dopo il decollo, quando il satellite inizierà a mandare i suoi primi segnali ancora all’interno del lanciatore.

A seguito della separazione tra il razzo e MTG-I1, undici minuti dopo, al Fucino sarà un susseguirsi di attività febbrili, con il satellite che inizierà automaticamente a prendere vita. Nell’ora successiva al lancio, infatti, il satellite aprirà in sequenza i pannelli solari, comincerà a ricaricare le batterie e darà avvio alla preparazione del propulsore.

Dal giorno successivo, il satellite inizierà quindi la fase di ascesa che – grazie a quattro diverse accensioni del propulsore – vedrà modificare progressivamente la quota e la forma dell’orbita: dall’inziale orbita ellittica con il punto più vicino alla Terra posto a 200 chilometri di quota fino all’orbita geostazionaria finale, circolare a 36mila chilometri di altezza.  

Complessivamente, durante questa fase, MTG-I1 consumerà circa 1500 kg di carburante, una buona parte delle circa 2,2 tonnellate a bordo.

È questo uno dei momenti chiave in una missione spaziale, e soprattutto nel caso di trasferimento vero l’orbita geostazionaria: la perfetta esecuzione della LEOP permette infatti di ottimizzare il carburante utilizzato e conservarlo per la vita operativa, massimizzando così il ritorno di dati, oltre che l’investimento economico complessivo.

Nel corso della sua ascesa verso l’orbita geostazionaria, il contatto radio tra il Fucino il satellite sarà assicurato da una rete di antenne che consentiranno una copertura globale: da Malindi, in Kenya, a Santiago (Cile), da Yatharagga e Dongara (Australia) fino South Point, nelle Hawaii.

L’appuntamento finale con la LEOP di MTG-I1 è fissato undici giorni dopo il lancio, il 24 dicembre. Dopo la configurazione finale del sistema propulsivo e l’inserimento nello slot geostazionario assegnato, a quel punto il satellite dispiegherà finalmente le sue antenne per il trasferimento dei dati meteo e inizierà a puntare i propri strumenti verso la Terra.

Da qui il controllo del satellite passerà infine al Centro di controllo di Eumetsat a Darmstadt, in Germania, da dove, a seguito di una successiva fase di test e calibrazione, MTG-1I sarà gestito per il suo lavoro vero e proprio: rivoluzionare le previsioni meteo e monitorare al meglio potenziali eventi estremi anche grazie all’innovativo Lightning Imager, lo strumento realizzato da Leonardo in grado di vedere il rapido bagliore dei fulmini nell’atmosfera.

Una LEOP durata cinque anni

Anche se la LEOP di MTG-I1 dura “solo” 11 giorni, il lavoro di preparazione è iniziato ben prima, nel maggio del 2017.

È da quella data che i tecnici di Telespazio hanno iniziato a sviluppare tutte le procedure, che sono stati poi condivise con i partner – in particolare con Thales Alenia Space e OHB, responsabili della costruzione del satellite – in diverse sessioni di validazione e simulazione.

In totale, gli Ingegneri Telespazio hanno sviluppato circa 600 procedure di volo, che permetteranno sia la gestione delle fasi nominali della missione e sia il recupero da eventuali anomalie.

Numerosi anche i team coinvolti: le attività di analisi della telemetria di bordo e di telecomando è centralizzata al Fucino ed è in carico a 18 Ingegneri del Team di Controllo Satellite di Telespazio. Il calcolo delle manovre orbitali e il coordinamento delle antenne di terra verranno invece effettuati rispettivamente dai team di Dinamica del Volo e di Ground Station Network. In totale, sono circa 40 i tecnici di Telespazio coinvolti nelle operazioni di MTG-1I.

La sera del 13 dicembre dal Centro Spaziale del Fucino i tecnici di Telespazio porteranno a compimento 5 anni di lavoro, fondamentale per consentire al satellite MTG-1I di raggiungere la sua orbita nel modo più efficiente possibile e massimizzare le informazioni meteorologiche che ci trasmetterà nei prossimi anni.

Altre notizie e storie

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.

15.02.2024
È rientrato in atmosfera il satellite AGILE dell’ASI, gestito in orbita per 17 anni da Telespazio

Dopo 17 anni di attività, il satellite scientifico dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) AGILE (Astrorivelatore Gamma a Immagini LEggero) è rientrato in atmosfera. La “passivazione” del satellite, come richiesto dalle norme internazionali, era stata correttamente eseguita il 18 gennaio scorso dai tecnici di Telespazio dal Centro spaziale del Fucino.

14.02.2024
Grazie a droni e satelliti, Telespazio Ibérica contribuirà alla prevenzione degli incendi nelle isole Canarie

Telespazio Ibérica, insieme all’azienda andalusa Pegasus Aero Group, guiderà un progetto promosso dal governo delle isole Canarie finalizzato allo sviluppo di soluzioni innovative per la lotta agli incendi e alla protezione della biodiversità grazie all’uso di dati satellitari e provenienti da droni.

29.01.2024
Il Centro Spaziale del Fucino accoglie la visita del DG Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen

Lo scorso 26 gennaio, il Centro Spaziale del Fucino ha accolto la visita del Direttore Generale Industria della Difesa e Spazio della Commissione Europea Timo Pesonen e di una delegazione composta da rappresentati della Commissione Europea, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dello Sviluppo Economico (MIMIT) e dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI).

23.01.2024
Assegnato a un team industriale guidato da Telespazio uno studio sui futuri servizi di osservazione della terra dell'UE per uso governativo

Oggi 23 gennaio 2024 nel corso della European Space Conference di Bruxelles, Telespazio, in qualità di leader di un consorzio di società europee, ha siglato il contratto “Study on potential EU Earth-Observation services for governmental use” con la Commissione Europea, DG-DEFIS,  sulla fattibilità di un servizio nel campo della sicurezza e della difesa in grado di valorizzare l’eterogenea moltitudine di dati disponibili, tra cui i dati forniti dai satelliti di osservazione della Terra dell’Unione Europea.