COVID-19: e-GEOS fornisce supporto dallo spazio nella gestione dell’emergenza

10 aprile 2020

Leonardo, tramite e-GEOS (società costituita da Telespazio 80% e Agenzia Spaziale Italiana 20%), fornisce supporto anche dallo spazio nella gestione dell’emergenza COVID-19, mantenendo operative le infrastrutture spaziali e fornendo, come in questo caso, informazioni preziose alla Protezione Civile e autorità sanitarie. 

Sono state pubblicate le prime mappe satellitari nell’ambito del servizio Copernicus Emergency Management Service “Rapid Mapping” della Commissione Europea erogato da un consorzio internazionale gestito da e-GEOS.

Si tratta della prima volta che il servizio viene attivato in occasione dell’emergenza Coronavirus.

Le mappe forniranno supporto, in questo caso, alla Protezione Civile che opera sul territorio del Comune di Torino. A seguito delle misure di lockdown imposte dal Governo per limitare le attività sociali e contenere l’epidemia, la Protezione Civile necessita di avere un quadro sempre aggiornato della situazione sul territorio e sugli spazi pubblici in vista della FASE-2 dell’emergenza.

Nelle mappe, le zone di interesse identificabili da immagini satellitari sono soprattutto le aree ospedaliere ed i presidi mobili, i mercati rionali all’aperto, i parchi e le pertinenze.

Per quanto riguarda le aree ospedaliere le mappe consentono alle autorità sanitarie e di Protezione Civile il censimento evolutivo delle diverse tipologie di strutture mobili. La combinazione con dati provenienti dalle sezioni di censimento consente inoltre di individuare quelle strutture interessate da un maggior bacino di utenza potenziale, anche in relazione all’età della popolazione, in modo da poter evidenziare situazioni di possibile sovra-affollamento e criticità.

Per quanto riguarda i mercati all’aperto è possibile identificare le strade di accesso e le zone di pertinenza, le superfici disponibili e la densità massima di accesso dei cittadini. La graduale riapertura dei mercati all’aperto, ma anche di quelli al coperto la cui ubicazione venga indicata dalle Amministrazioni Locali, potrà quindi essere gestita in modo oggettivo ed omogeneo dalle Amministrazioni stesse. Gli stessi tipi di dati saranno utilizzati per la mappatura di parchi e ville.

Il programma Copernicus, coordinato dalla Commissione Europea in collaborazione con l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) e con il contributo dell’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), è finalizzato a monitorare l’ambiente e a mitigare gli effetti dei cambiamenti climatici, contribuendo alla gestione di emergenze umanitarie, disastri naturali e sicurezza della popolazione.

L'EMS, attivo 24 ore al giorno, 365 giorni l’anno, è un servizio con l’obiettivo di elaborare e rendere disponibili alla Commissione Europea, in poche ore dall’attivazione del servizio da parte dell’utente autorizzato, mappe satellitari di aree colpite da un disastro naturale o da crisi umanitarie.

Altre notizie e storie

23.09.2020
e-GEOS presenta CLEOS, la geoinformazione a portata di click

Una piattaforma che grazie a tecnologie innovative come l’intelligenza artificiale mette al centro il cliente per rivoluzionare il tradizionale approccio alla geoinformazione.

17.09.2020
Spazio e ambiente, due mondi solo apparentemente distanti

Cosa lega i satelliti che orbitano nello spazio ad un problema così “terreno” come la tutela dell’ambiente? E quale è il ruolo dei satelliti e del gruppo Telespazio in tema di sostenibilità e nella lotta al cambiamento climatico? Scopriamolo insieme.

16.07.2020
e-GEOS e Copernicus: una collaborazione che si rafforza negli anni

È stato rinnovato fino alla fine del 2021 il rapporto tra e-GEOS e le istituzioni europee per il programma Copernicus. Una collaborazione iniziata nel 2012 e che nel corso degli anni ha fornito un servizio essenziale a cittadini e istituzioni.

19.06.2020
Telespazio ed e-GEOS coinvolte nel Programma Europeo per lo Sviluppo Industriale della Difesa

e-GEOS guiderà un team industriale europeo per sviluppare PEONEER, piattaforma innovativa di Intelligence, Surveillance and Reconnaissance con dati di osservazione della Terra. Telespazio parteciperà con Leonardo, Thales Alenia Space ed altre aziende europee allo sviluppo di GEODE (Galileo for EU Defense).

15.06.2020
A Milano le “isole di calore” si combattono con i dati satellitari

e-GEOS, una società Telespazio e ASI, ha partecipato al progetto Life METRO Adapt della Città Metropolitana di Milano per la comprensione del fenomeno delle “isole di calore” . Un esempio virtuoso di come l'uso dei dati satellitari e dei dati sulla popolazione può migliorare la vita di tutti noi e combattere il cambiamento climatico.

23.09.2020
e-GEOS presenta CLEOS, la geoinformazione a portata di click

Una piattaforma che grazie a tecnologie innovative come l’intelligenza artificiale mette al centro il cliente per rivoluzionare il tradizionale approccio alla geoinformazione.

17.09.2020
Spazio e ambiente, due mondi solo apparentemente distanti

Cosa lega i satelliti che orbitano nello spazio ad un problema così “terreno” come la tutela dell’ambiente? E quale è il ruolo dei satelliti e del gruppo Telespazio in tema di sostenibilità e nella lotta al cambiamento climatico? Scopriamolo insieme.

16.07.2020
e-GEOS e Copernicus: una collaborazione che si rafforza negli anni

È stato rinnovato fino alla fine del 2021 il rapporto tra e-GEOS e le istituzioni europee per il programma Copernicus. Una collaborazione iniziata nel 2012 e che nel corso degli anni ha fornito un servizio essenziale a cittadini e istituzioni.

19.06.2020
Telespazio ed e-GEOS coinvolte nel Programma Europeo per lo Sviluppo Industriale della Difesa

e-GEOS guiderà un team industriale europeo per sviluppare PEONEER, piattaforma innovativa di Intelligence, Surveillance and Reconnaissance con dati di osservazione della Terra. Telespazio parteciperà con Leonardo, Thales Alenia Space ed altre aziende europee allo sviluppo di GEODE (Galileo for EU Defense).

15.06.2020
A Milano le “isole di calore” si combattono con i dati satellitari

e-GEOS, una società Telespazio e ASI, ha partecipato al progetto Life METRO Adapt della Città Metropolitana di Milano per la comprensione del fenomeno delle “isole di calore” . Un esempio virtuoso di come l'uso dei dati satellitari e dei dati sulla popolazione può migliorare la vita di tutti noi e combattere il cambiamento climatico.