Emergenze e non solo: la rivoluzione di ARGO

Nel 1980 il terremoto in Irpinia sconvolge l’Italia, Telespazio ne trarrà una importante lezione. Il quinto episodio del ciclo “A Space Story”.

22 marzo 2021

Riconferme e nuovi orizzonti. Per Telespazio gli anni Ottanta si aprono all’insegna di due nomi: Intelsat e Italsat.

Da una parte il satellite NASA, giunto al suo quinto lancio, affida ancora una volta all’azienda italiana la gestione del traffico ordinario, la telemetria ed il controllo in orbita. Dall’altra un accordo con il CNR per uno studio preliminare su quelli che diventeranno i primi satelliti gestiti direttamente dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI). 

Appena un decennio dopo la ricezione dei primi dati Landsat, Telespazio fa un altro passo importante nel campo dell’osservazione della Terra: nel 1983 ottiene in gestione dall’ASI il Centro di Geodesia spaziale a Matera.

L’Italia nel frattempo deve fare i conti con una dei peggiori disastri naturali della sua storia. Alle 19.34 del 23 novembre 1980, Campania e Basilicata tremano per 90 secondi consecutivi. Tremila morti, diecimila feriti e quasi 280mila sfollati.

Mentre le comunicazioni fra i centri di soccorso e le zone colpite sono drammaticamente rallentate dai danni alla rete telefonica, Il Mattino di Napoli titola “Fate presto” a caratteri cubitali.

La tragedia dell’Irpinia insegna molto a tutto il Paese e motiva Telespazio a mettere a punto un sistema di comunicazione più agile, perfetto per le situazioni di emergenza. Il programma Argo, questo è il suo nome, si basa su piccole antenne satellitari trasportabili (VSAT), dodici in tutto, oltre a due canali fonici, uno televisivo, tre elicotteri militari per la ricognizione televisiva e altre 110 stazioni fisse dedicate alla rilevazione di dati sismici, vulcanologici e idrogeologici.

Presentato al dipartimento di Protezione civile già nel 1981, Argo diventa operativo nel 1986.

La sua tecnologia, adatta a scopi anche molto diversi, apre un nuovo campo di attività per Telespazio, che riceve commesse dalla SNAM, dalla Banca d’Italia, dalla Banca dell’Agricoltura, dalla Motorizzazione civile e persino dalla Ferrari.

Il programma ARGO, inaugurato nel 1986, vale 37 miliardi di lire. Le VSAT vengono usate anche in contesto sportivo: la Ferrari se ne serve per inviare i dati dei suoi motorhome negli autodromi a Maranello.

A Matera intanto si lavora su un altro fronte. Nel 1985 viene inaugurato il Centro per le operazioni di Geodesia spaziale, con l’obiettivo di studiare la gravità terrestre e il movimento dei continenti, all’origine dei fenomeni sismici. A gestirlo sarà, ancora una volta, Telespazio.

Altre notizie e storie

02.08.2021
EMS, l’occhio di Copernicus per affrontare le emergenze

Acquisire immagini e fornire mappe satellitari fondamentali per la gestione delle operazioni di soccorso: è il Copernicus Emergency Management Service (EMS) – Rapid Mapping, guidato da e-GEOS e che vede la partecipazione di GAF e Telespazio Iberica, oltre che diITHACA, SERTIT, SIRS, GMV e CLS. 

02.08.2021
Telespazio UK si aggiudica contratto per la gestione dei servizi ESA in Spagna

Telespazio UK ha firmato un contratto quadro di servizio da 14 milioni di euro con l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) per gestire, in qualità di capofila di un consorzio di aziende europee, i centri operativi scientifici delle missioni di astronomia, eliofisica e fisica fondamentale dell'ESA presso l’European Space Astronomy Centre (ESAC) di Madrid, in Spagna.

30.07.2021
Inaugurata in Brasile la nuova “Antenna Multisatellite” che aiuterà a proteggere l’Amazzonia

Nei giorni scorsi è stata inaugurata a Formosa, nello stato brasiliano di Goiás, la nuova “Antenna Multisatellite” acquisita e installata da Telespazio per il Censipam, l’ente governativo deputato ala difesa della  foresta Amazzonica.

27.07.2021
Sostenibilità oltre i confini della Terra: la Space Situational Awareness

Nel 2018, Telespazio, nell'ambito della Space Alliance, acquisisce una partecipazione in Northstar Earth and Space: è il primo passo verso un nuovo ramo di business. L’ultimo episodio del ciclo “A Space Story”.

02.08.2021
EMS, l’occhio di Copernicus per affrontare le emergenze

Acquisire immagini e fornire mappe satellitari fondamentali per la gestione delle operazioni di soccorso: è il Copernicus Emergency Management Service (EMS) – Rapid Mapping, guidato da e-GEOS e che vede la partecipazione di GAF e Telespazio Iberica, oltre che diITHACA, SERTIT, SIRS, GMV e CLS. 

02.08.2021
Telespazio UK si aggiudica contratto per la gestione dei servizi ESA in Spagna

Telespazio UK ha firmato un contratto quadro di servizio da 14 milioni di euro con l'Agenzia Spaziale Europea (ESA) per gestire, in qualità di capofila di un consorzio di aziende europee, i centri operativi scientifici delle missioni di astronomia, eliofisica e fisica fondamentale dell'ESA presso l’European Space Astronomy Centre (ESAC) di Madrid, in Spagna.

30.07.2021
Inaugurata in Brasile la nuova “Antenna Multisatellite” che aiuterà a proteggere l’Amazzonia

Nei giorni scorsi è stata inaugurata a Formosa, nello stato brasiliano di Goiás, la nuova “Antenna Multisatellite” acquisita e installata da Telespazio per il Censipam, l’ente governativo deputato ala difesa della  foresta Amazzonica.

27.07.2021
Sostenibilità oltre i confini della Terra: la Space Situational Awareness

Nel 2018, Telespazio, nell'ambito della Space Alliance, acquisisce una partecipazione in Northstar Earth and Space: è il primo passo verso un nuovo ramo di business. L’ultimo episodio del ciclo “A Space Story”.