Galileo
Galileo è il sistema satellitare globale di navigazione europeo. Di proprietà dell’Unione Europea, è un’iniziativa condivisa tra la Commissione Europea, l’Agenzia dell’UE per il Programma Spaziale (EUSPA) e l’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

Nato alla fine degli anni Novanta per garantire un sistema europeo indipendente e resiliente, oggi Galileo fornisce un servizio di navigazione, posizionamento e tempo globale affidabile e ad alta precisione e si appresta, con lo sviluppo di una seconda generazione di satelliti, ad entrare in una nuova fase.

Completamente interoperabile con altri sistemi GNSS, Galileo è composto da tre segmenti.

  • Segmento spaziale: formato da una costellazione di almeno 24 satelliti operativi, oltre a un numero variabile di satelliti di riserva
  • Segmento di terra: una vasta rete di centri e infrastrutture sparse nel mondo che comprende sia il Ground Control Segment (GCS) e sia il Ground Mission Segment (GMS) oltre a una serie di installazioni di servizio e di supporto.
  • Segmento utente: Composto dai differenti ricevitori GNSS degli utenti.

 

 

Il ruolo di Telespazio

 

Telespazio, le sue controllate e joint venture hanno un ruolo di primo piano in Galileo sia nell’ambito del segmento di terra e sia nel segmento utente.

  • Telespazio ha realizzato e opera dal 2010 presso il Centro Spaziale del Fucino, in Italia, uno dei due Galileo Control Centre (GCC) che gestiscono il sistema ed è responsabile del controllo della missione oltre che della rete globale di comunicazione fra i siti. Telespazio è attualmente coinvolta nello studio per la futura evoluzione del sistema, Galileo Second Generation - G2G, per le attività di logistica integrata e operazioni.
  • Spaceopal (joint venture paritetica tra Telespazio e l’agenzia spaziale tedesca DLRGFR) è dal 2016 il Galileo Service Operator (GSOp) e ha in carico la gestione dell’intero sistema, dalla validazione del software dei centri di controllo, all’immissione in orbita dei satelliti (LEOP), al controllo della costellazione e dei siti remoti sparsi su tutto il globo, fino alla fornitura del servizio di navigazione, oltre che all’interfaccia con gli utenti tramite l’European GNSS Service Centre (GSC) di Madrid, in Spagna.
  • Telespazio Germany è prime contractor del simulatore della costellazione per il Ground Control Segment della piattaforma di Assemblaggio, Integrazione e Validazione del Ground Mission Segment.
  • Telespazio France supporta il CNES e Arianespace rispettivamente nella gestione del Centro di lancio in Guyana francese e nelle operazioni di lancio e messa in orbita dei satelliti Galileo.
  • Telespazio Iberica supporta Spaceopal nella fornitura di servizi agli utenti finali presso il GSC.
  • Telespazio Belgium è partner logistico di Spaceopal nella gestione del Galileo Integrated Logistic Support (ILS) Centre di Transinne, Belgio, e ricopre un ruolo attivo nelle attività di progettazione del sistema attuale e futuro.

 

 

Il Ground Segment di Galileo

 

Per gestire i satelliti in orbita e garantire agli utenti di tutto il mondo i servizi di navigazione, posizionamento e tempo, Galileo fa affidamento su una vasta e complessa infrastruttura di terra su scala globale.

Cuore del sistema sono i due centri di controllo (GCC), rispettivamente al Centro Spaziale del Fucino di Telespazio, in Abruzzo, Italia, a e Oberpfaffenhofen, vicino Monaco di Baviera, Germania.

I due centri ospitano entrambi sia il Galileo Control Segment (GCS), che si occupa delle operazioni spaziali della costellazione di satelliti in orbita, che il Galileo Mission Segment (GMS), responsabile invece della generazione, diffusione e del monitoraggio globale dei segnali di navigazione, posizionamento e tempo oltre che gestire una rete di circa 40 stazioni. 

Il GCC del Fucino, in particolare, è un’infrastruttura di circa 6000 mq, costruita anche con il contributo della Regione Abruzzo, e ospita una Sala controllo principale e una decina di sale controllo integrate, presidiate 24 ore su 24 da personale altamente qualificato.

  • 2 centri di controllo (GCC)

  • 1 European GNSS service center (GSC) a Madrid, dedicato all’interfaccia con gli utenti

  • 1 Galileo Integrated Logistic Support (ILS) Centre, a Transinne, Belgio

  • 6 stazioni telemetry, tracking & control, TT&C

  • Numerose stazioni di data up-link

  • Una rete mondiale di stazioni di sensori di monitoraggio GSS

  • 2 Galileo Security Monitoring Centre (GSMC)

  • 1 Geodetic Reference Service Provider (GRSP)

  • 1 Time Service Provider (TSP)

  • 1 Galileo Reference Centre (GRC)

 

Un servizio su scala globale

 

In attesa del completamento dell’intero sistema, da dicembre 2016 Galileo offre ai suoi utilizzatori un servizio globale definito “Initial Service”. Una volta pienamente operativo, Galileo offrirà sei servizi ad alte prestazioni in tutto il mondo.

Open Service (OS)

Servizio base di navigazione posizionamento e tempo, aperto e gratuito per tutti: pienamente compatibile con gli altri sistemi GNSS quali l’americano GPS, il russo GLONASS e il cinese Beidou. 

Public Regulated Service (PRS)

Per utenti governativi e per applicazioni sensibili che richiedono un alto livello di continuità di servizio.

Search and Rescue Support Service (SAR)

Fornisce il segnale per la rete COSPAS-SARSAT, il sistema internazionale di ricerca e salvataggio via satellite. Galileo include anche un utilissimo canale di ritorno per la conferma della segnalazione di emergenza.

High Accuracy Service (HAS)

Complementare all’OS, consente grazie a un segnale di navigazione aggiuntivo e in una diversa banda di frequenza, servizi ad alto valore aggiunto che richiedono elevate performance di accuratezza (attualmente in via di dispiegamento).

Open Service Navigation Message Authentication (OSNMA)

Servizio di accesso gratuito che integra l’OS assicurando l’autenticità del messaggio di navigazione OS ricevuto dagli utenti e non è stato modificato (attualmente in via di dispiegamento).

Commercial Authentication Service (CAS)

Complementare la funzione di autenticazione dell’OSNMA per utenti autorizzati garantendone un maggior livello di affidabilità (in via di definzione).

Galileo, applicazioni innovative

 

Oltre alle diverse modalità di servizio offerte, Galileo è un vero e proprio abilitatore tecnologico che consente di sviluppare soluzioni innovative a vantaggio di istituzioni, aziende e cittadini.

Telespazio è impegnata nella realizzazione di una vasta gamma di applicazioni basate su Galileo, per usi civili e governativi e supporta le agenzie nazionali ed europee nella definizione di servizi in settori innovativi.

Anche Spaceopal ha un ruolo di primo piano nell’evoluzione e nello studio di servizi innovativi a supporto dell’utente finale di Galileo, come i servizi prototipali NAVCAST e IONOLAB progettati e sviluppati per aumentare l’accuratezza dei sistemi Galileo e GPS.

Le nostre news su Galileo