Telespazio garantisce l’operatività dei suoi centri spaziali durante l’emergenza Coronavirus

Roma   23 marzo 2020

Nonostante la grave crisi sanitaria provocata dalla pandemia Coronavirus, Telespazio garantisce dall’insorgere dell’emergenza l’operatività dei suoi centri spaziali in Italia e in tutti i Paesi nei quali è presente con sue società controllate

In particolare i centri spaziali italiani del Fucino (Abruzzo), del Lario (Lombardia), di Scanzano (Sicilia) e il Centro spaziale di Matera (Basilicata) di e-GEOS (Telespazio/ASI), continuano a fornire i propri servizi a istituzioni civili e militari (European Global Navigation Satellite Systems Agency, Ministero della Difesa, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, Protezione Civile, Agenzia Spaziale Europea, Agenzia Spaziale Italiana, ENAV), operatori satellitari (Hughes, Eumetsat, Inmarsat) e clienti corporate (Saipem, BT, Grimaldi, Terna, TIM, Poste Italiane, RAI, SKY, Mediaset), grazie a una nuova organizzazione del lavoro, concordata con le organizzazioni sindacali, che garantisce la sicurezza dei lavoratori e al contempo la continuità delle operazioni.

Presso il Centro Spaziale del Fucino, il più importante “teleporto” satellitare al mondo per usi civili e cuore delle attività di Telespazio, sono state predisposte dall’azienda una serie di misure straordinarie in primo luogo a tutela delle oltre 250 persone che vi lavorano. Data la natura “sensibile” delle attività che vi si svolgono, con ripercussioni in caso di sospensione dei servizi che possono avere ricadute sulla sicurezza nazionale, sui servizi di pubblica utilità, sanità e in generale sulla vita dei cittadini, è stata garantita la prosecuzione delle attività operative con la creazione di aree segregate ad accesso limitato al solo personale preposto, alla creazione di team di lavoro intercambiabili in grado garantire la continuità operativa delle prestazioni h24.

Come norme generali, valide in tutti i centri spaziali di Telespazio, si è stabilito dal 10 marzo scorso un regime di smart working per il personale, riducendo così al massimo il numero dei lavoratori presenti in azienda. Nei siti non operativi la percentuale dei lavoratori in smart working è circa del 90% mentre per il personale non remotizzabile si è intervenuti per ridurre i contatti tra le persone delle aree comuni e sono stati limitati gli spostamenti all’interno dei siti lavorativi attraverso la creazione di percorsi obbligati e zone ad accesso limitato al solo personale autorizzato.

Nei centri spaziali del Fucino, Lario e Scanzano si svolgono attività di controllo in orbita di satelliti, servizi di telecomunicazioni, televisivi e multimediali. Al Fucino, in particolare, hanno sede il Centro di Controllo della costellazione satellitare per l’osservazione della Terra COSMO-SkyMed e uno dei Centri di Controllo che gestiscono il sistema europeo di navigazione e localizzazione satellitare Galileo. Da qui Telespazio effettua le attività per la messa in orbita e il controllo in orbita dei satelliti, nonché di gestione delle reti terresti di controllo orbitale di missioni satellitari civili e militari. Dal Centro Spaziale di Matera di e-GEOS vengono acquisiti ed elaborati i dati telerilevati dai prin

Altre notizie

09.03.2020
COSMO-SkyMed di Seconda Generazione: le prime immagini giunte dal nuovo satellite ci forniscono un quadro ancora più nitido del nostro Pianeta

Le prime immagini della missione COSMO-SkyMed di Seconda Generazione (CSG) per l’osservazione radar della Terra evidenziano, anche a un occhio non esperto, le caratteristiche innovative, presenti nel dato, che renderanno possibile l’utilizzo del sistema per una vasta gamma di applicazioni a vantaggio di un numero crescente di utenti

30.01.2020
Droni: aperte le iscrizioni alla seconda edizione del Master “PARS”

Sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione del Master in "Progettazione, Applicazione, Regolamentazione dei Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto (SAPR)", organizzato dall’Università di Roma "Tor Vergata" ed ENAC, in collaborazione, tra gli altri, con l’Aeronautica Militare e Telespazio.

21.01.2020
Satelliti e sicurezza: e-GEOS gestirà un nuovo progetto cruciale per la gestione delle emergenze

e-GEOS, società costituita da Telespazio (80%) e dall’Agenzia Spaziale Italiana (20%), ha firmato un nuovo contratto con il Joint Research Centre (JRC) della Commissione Europea per la fornitura di mappe satellitari per la gestione delle emergenze.

10.01.2020
e-GEOS presenta il calendario Love Planet Earth 2020

e-GEOS, una società costituita da Telespazio (80%) e dall’Agenzia Spaziale Italiana (20%), presenta l’edizione 2020 del Calendario Love Planet Earth, dedicato quest’anno al rapporto tra uomo e natura.

09.03.2020
COSMO-SkyMed di Seconda Generazione: le prime immagini giunte dal nuovo satellite ci forniscono un quadro ancora più nitido del nostro Pianeta

Le prime immagini della missione COSMO-SkyMed di Seconda Generazione (CSG) per l’osservazione radar della Terra evidenziano, anche a un occhio non esperto, le caratteristiche innovative, presenti nel dato, che renderanno possibile l’utilizzo del sistema per una vasta gamma di applicazioni a vantaggio di un numero crescente di utenti

30.01.2020
Droni: aperte le iscrizioni alla seconda edizione del Master “PARS”

Sono aperte le iscrizioni alla seconda edizione del Master in "Progettazione, Applicazione, Regolamentazione dei Sistemi Aerei a Pilotaggio Remoto (SAPR)", organizzato dall’Università di Roma "Tor Vergata" ed ENAC, in collaborazione, tra gli altri, con l’Aeronautica Militare e Telespazio.

21.01.2020
Satelliti e sicurezza: e-GEOS gestirà un nuovo progetto cruciale per la gestione delle emergenze

e-GEOS, società costituita da Telespazio (80%) e dall’Agenzia Spaziale Italiana (20%), ha firmato un nuovo contratto con il Joint Research Centre (JRC) della Commissione Europea per la fornitura di mappe satellitari per la gestione delle emergenze.

10.01.2020
e-GEOS presenta il calendario Love Planet Earth 2020

e-GEOS, una società costituita da Telespazio (80%) e dall’Agenzia Spaziale Italiana (20%), presenta l’edizione 2020 del Calendario Love Planet Earth, dedicato quest’anno al rapporto tra uomo e natura.