SICRAL

SICRAL

SICRAL (Sistema Italiano per Comunicazioni Riservate e ALlarmi) è il sistema satellitare italiano per le comunicazioni militari, caratterizzato da flessibilità e versatilità di impiego. Il sistema è in grado di garantire l’interoperabilità tra le reti della Difesa, della sicurezza pubblica, dell’emergenza civile e della gestione e controllo delle infrastrutture strategiche.

 

Il programma SICRAL migliora le capacità di comunicazioni satellitari militari per i collegamenti strategici e tattici sul territorio nazionale e nelle operazioni fuori area, con piattaforme terrestri, navali e aeree, assicurandone la continuità fino al 2030 attraverso il lancio di nuovi satelliti.

 

Il programma è articolato in tre fasi. La prima è iniziata nel 2001 con il lancio di SICRAL 1, satellite ancora in esercizio. La seconda fase è stata avviata nel 2009 con il lancio di SICRAL 1B, satellite con una vita operativa stimata di 13 anni. La terza fase, in cooperazione con la Francia, è stata avviata ad aprile 2015 con il lancio di SICRAL 2, con una vita operativa stimata di 15 anni.

 

SICRAL 2 è un satellite geostazionario operante nelle bande UHF e SHF, in grado di potenziare le capacità di comunicazioni satellitari militari già offerte dai satelliti SICRAL 1 e SICRAL 1B e dal sistema francese Syracuse. In particolare SICRAL 2 supporta le comunicazioni satellitari delle Forze Armate italiane e francesi, anticipandone tutte le esigenze di crescita e di sviluppo previste per i prossimi anni.

 

Il satellite, inoltre, ha funzione di back-up addizionale dell’attuale capacità in banda SHF del sistema francese Syracuse 3 e di quella di SICRAL 1B destinata alle comunicazioni della NATO. Il sistema è stato quindi progettato e sviluppato per garantire una perfetta integrazione con le attuali infrastrutture nazionali e quelle dei Paesi alleati.

 

Per tutte le missioni SICRAL Telespazio ha curato le fasi di progettazione, realizzazione, integrazione e collaudo del segmento terrestre presso il Centro Interforze di Gestione e Controllo (CIGC) a Vigna di Valle (Roma) e presso il Centro Spaziale del Fucino, che svolge un ruolo di backup. Telespazio ha inoltre gestito la fase LEOP e le prove di funzionamento IOT.

 

Per le missioni SICRAL 1B e SICRAL 2, Telespazio ha gestito anche il servizio di lancio.

 

Per SICRAL 2, Telespazio è inoltre responsabile del sistema di interconnessione tra i centri di missione italiani e francesi.

 

Telespazio ha partecipato agli investimenti per la realizzazione di SICRAL 1B e SICRAL 2, consolidando così il proprio ruolo di operatore satellitare per le telecomunicazioni militari (MILSATCOM). L’azienda infatti dispone di parte della capacità trasmissiva di SICRAL 1B e SICRAL 2, e offre servizi di comunicazioni alle Forze Armate dei Paesi membri della NATO.

 

0